Shame Clubbing

Home / Club / Shame Clubbing
Shame Clubbing

Shame Clubbing

IT: Sono passati anni di incredibili successi per questa serata nata dall’idea di Christian Compri, Alex e Rolly di portare a Verona qualcosa che non c’era. Venerdì 11 gennaio 2013 partì la prima serata, ma festeggiano il compleanno il 5 gennaio, un giorno di grande festa e celebrazione a Shame, ogni anno.

Cinque anni fa, nasce un’esperienza unica, che prende ispirazione da ciò che Christian Compri, Bojan e tutti i Dj Resident scoprono durante gli anni spesi in giro per club italiani e festival europei, durante numerosi collaborazioni in questi eventi musicali. Un’esperienza rielaborata con passione, per ottenere un risultato totalmente nuovo e creativo. “Shame Clubbing è una creazione nata come interpretazione di un segnale di rottura da regole di condotta generali alle quali si è aderito, dedite a limitare le capacità di ogni soggetto senza meritocrazia e progresso. Ogni moda sociomusicale non rappresenta un dato di fatto per posizionarci in un genere musicale, o in un concetto di party definito, i confini di creazione li poniamo noi stessi, ciò che esiste non limita il nostro pensiero.”. Su queste parole si fonda la filosofia di Shame Clubbing, che è profonda e controtendenza.

Il gruppo, ad oggi, è composto da 38 persone: pubbliche relazioni, supporter, addetti alla promozione cartacea, resident djs. Ma sono partiti con calma, facendo crescere il progetto negli anni, studiando e ristudiando con attenzione ogni idea per farla risaltare al meglio. Il primo anno hanno abbracciato influenze elettroniche ed abstract con Redshape e Lucy, e Recondite senza far mancare icone mondiali techno come Speedy J e Surgeon, passando per artisti e produttori come Function e Giorgi Gigli, con influenze molteplici raccolte in anni di feste e studio rispettivamente a New York e Roma. Hanno sempre seguito la Techno, un genere nel quale le sfumature sono inesauribile ed ogni artista, ad ogni esibizione, ha impresso il suo stile: acid o dark, dub, o industrial. Oscar Mulero, Luke Slater, Tommy Fuor Seven, Dax J, Regis, James Ruskin, Ansome, Headless Horseman sono alcuni dei nomi che hanno suonato a Shame Clubbing, e ad oggi, sono tutti nei maggiori scenari mondiali della musica techno.

Il tempo regala soddisfazioni, quando si lavora con passione e bene. Negli anni, Shame è arrivato ad essere per i clienti un luogo familiare, si respira una sensazione come di casa e sempre più gente che ne sente parlare e vuole provare a parteciparvi.

Per l’estate 2018 hanno in programma un festival ed un paio di feste in collaborazione. Ma non possono dire di più. Infondo è Shame, loro non svelano tutto ciò che hanno in programma, perché credono che le informazioni vadano valorizzate e non messe a nudo mesi prima solo per una strategia commerciale. Così per conoscere le innovazioni della sesta stagione dovremmo aspettare il momento giusto: quando nella notte, il momento in cui i club si illuminano, inizieremo a vedere in giro le loro tipiche locandine nere con la scritta SHAME CLUBBING.

GUARDA IL VIDEO: SpreeWhere racconta Shame Clubbing

_________________________________________________________________________________________________

ENG: The fifth season of Shame Clubbing ends on Saturday 19 May 2018. Years of incredible success have passed for this party, which is born from the idea of ​​Christian Compri, Alex and Rolly. They wanted to bring something that was not there in Verona. The first night was set on Friday January 11 2013, but they celebrate the birthday on January 5, a day of great celebration for Shame, every year.

Five years ago was born a unique experience, inspired by what Christian Compri, Bojan and all the Resident DJs discovered during the years spent around Italian clubs and European festivals, during numerous collaborations in these musical events. An experience reworked with passion, to obtain a totally new and creative result. “Shame Clubbing is an interpretation of a signal of rupture from general rules of conduct, dedicated to limiting the capacity of each subject without meritocracy and progress. Every sociomusical fashion does not represent a fact to position ourselves in a musical genre, or in a defined party concept, because we place ourselves the boundaries of creation. What exists does not limit our thinking. ” The philosophy of Shame Clubbing, which is profound and counter-tendency, is based on these words.

The group, today, is made up of a staff of 38 people: public relations, supporters, people involved in paper promotion, resident djs. But they started slowly, making the project grow over the years, carefully studying and restuding every idea to make it stand out the best. The first year they embraced electronic and abstracts influences with Redshape and Lucy, and Recondite without missing global techno icons like Speedy J and Surgeon, passing through artists and producers like Function and Giorgi Gigli, with multiple influences collected in years of parties and studies respectively New York and Rome. They have always followed the Techno, a genre in which the nuances are inexhaustible and each artist, with each performance, has impressed his style: acid or dark, dub, or industrial. Oscar Mulero, Luke Slater, Tommy Fuor Seven, Dax J, Regis, James Ruskin, Ansome, Headless Horseman are some of the names that have played at Shame Clubbing. Nowadays they are all in the major techno music world scenarios.

Time gives satisfaction, when you work with passion. Over the years, Shame has become a familiar place for its customers, it feels like home, and more and more people, hearing about it, want to participate.

For summer 2018 they are planning a festival and a couple of parties in collaboration. But they don’t want tell us more. They do not reveal everything they have planned, because they believe that infos should be enhanced and not laid bare ahead of time for a plain commercial strategy. In order to know the innovations of the sixth season we should wait for the right time: when in the night, the moment when the clubs light up, we will start to see around the city od Verona their typical black posters with the words SHAME CLUBBING.

CHECK OUT THE VIDEO: SpreeWhere shows Shame Clubbing
Translate »